Cerca

Case della Salute e sedi territoriali

 Le Case della Salute e le sedi territoriali Riduci

La Regione Emilia-Romagna e le Case della Salute

Obiettivo della Regione Emilia-Romagna, negli ultimi anni, è stato realizzare, su tutto il territorio, strutture sanitarie e sociosanitarie che siano un punto di riferimento certo per i cittadini e alle quali ci si possa rivolgere in ogni momento per trovare una risposta ai propri problemi di salute. Per questo, con atto deliberativo n. 291 del 08-02-2010, la Regione Emilia-Romagna ha istituito le Case della Salute, strutture che hanno il compito di:

  • assicurare un punto unico di accesso ai cittadini;
  • garantire la continuità assistenziale nelle 24 ore 7 giorni su 7;
  • organizzare e coordinare le risposte da dare al cittadino;
  • rafforzare l’integrazione con l’ospedale, soprattutto in relazione alle dimissioni protette;
  • implementare la presa in carico di pazienti affetti da una o più patologie croniche;
  • migliorare la presa in carico integrata dei pazienti con problemi di salute mentale;
  • sviluppare programmi di prevenzione;
  • promuovere e valorizzare la partecipazione dei cittadini;
  • offrire formazione permanente agli operatori.

Presidio del Distretto, la Casa della Salute rappresenta dunque la sede di accesso ed erogazione dei servizi sanitari, sociosanitari e socio-assistenziali rivolti alla popolazione dell’ambito territoriale di riferimento del Nucleo di Cure Primarie. Suoi caratteri salienti sono:
• un’area per l’accoglienza e l’orientamento ai servizi sanitari, sociosanitari e assistenziali;
• un’area dedicata all’assistenza sanitaria per problemi ambulatoriali urgenti;
• la possibilità di completare i principali percorsi diagnostici che non necessitano di ricorso all’ospedale;
• la gestione delle patologie croniche, attraverso l’integrazione dell’assistenza primaria coi servizi specialistici presenti;
• l'attuazione di interventi di prevenzione e promozione della salute.

 

Case della Salute e sedi territoriali nell'Azienda Usl di Forlì

Attraverso il Piano Attuativo Locale 2012-2013, l’Ausl di Forlì, ha dato seguito alle indicazioni regionali, perseguendo l’obiettivo di declinare la capillare presenza aziendale sul territorio secondo modalità che migliorino la possibilità dei cittadini di accedere ai servizi. Le Case della Salute e le sedi territoriali sono i luoghi deputati a garantire una prima risposta ai bisogni sociali e sanitari delle persone.

Le Case della Salute

La Casa della Salute rappresenta il nodo principale della rete territoriale. E' stata individuata una Casa della Salute per vallata, che funzioni da sede di riferimento per il territorio circostante e assicuri:

  • l’attività di cure primarie e dei medici di continuità assistenziale, in particolare dell’ambulatorio nei giorni prefestivi e festivi;
  • l’assistenza domiciliare integrata (Adi);
  • l’attività specialistica, intesa come erogazione delle visite e di alcuni prestazioni con più alti consumi, compreso il punto prelievi;
  • il Percorso nascita per le gravidanze fisiologiche, con la presenza di ostetrica e ginecologo;
  • le vaccinazioni infantili e degli adulti;
  • l’ambulatorio psichiatrico con la presenza dell’equipe formata dal medico, dall’infermiere e dall’assistente sociale;
  • la neuropsichiatria infantile, la psicologia, la fisioterapia e la logopedia;
  • l’ambulatorio di Igiene Pubblica e la presenza, ove necessario, del veterinario;
  • la presenza dello Sportello sociale, per una prima valutazione del bisogno;
  • l’attività di accoglienza, informazione all’utenza, prenotazione, accoglimento delle richieste di tipo amministrativo;
  • ulteriori specifiche attività, anche di tipo residenziale.

Le Case della Salute individuate sono situate a:

• Forlimpopoli, per il territorio di Forlimpopoli e Bertinoro;
• Meldola, per la bassa valle del Bidente. I cittadini dell’alta vallata potranno rivolgersi all’ospedale di Santa Sofia, dove sono presenti molti dei servizi previsti nelle case della salute;
• Predappio, per la vallata del Rabbi; a Premilcuore è situato l’ospedale di comunità, con una dotazionedi 4 posti letto e la presenza di un’attività diurna per osservazione e terapie;
• Rocca San Casciano, per la vallata del Montone;
• Modigliana, per la valle del Tramazzo. Presso la Casa della Salute è presente l'ospedale di comunità (Country Hospital) con posti letto di degenza, gestiti dai medici di medicina generale e la presenza di un’attività diurna di osservazione e terapie.

Le sedi territoriali

Le sedi territoriali sono quelle strutture non classificabili come Case della Salute, presenti a Forlì e nel territorio, nelle quali si concentrano tutte le attività sanitarie e sociali erogate, afferenti principalmente alle cure primarie.
Per ogni Comune, nel quale non sia presente una Casa della Salute, è prevista una sede territoriale; nella sede saranno assicurate e si svolgeranno:

  • L’attività di cure primarie: medici di medicina generale aggregati, pediatri di libera scelta, infermieri, in particolare per la gestione degli ambulatori per patologia, con eventuali accessi programmati di alcuni specialisti di riferimento;
  • L’eventuale presenza di accessi per attività di prelievo, programmati sulla base delle esigenze della comunità, avendo riguardo delle fasce deboli della popolazione;
  • L’eventuale presenza di accessi programmati, nei quali concentrare attività vaccinali, programmati sulla base delle esigenze della comunità e avendo riguardo delle fasce deboli della popolazione;
  • La presenza di operatori sociali;
  • La presenza di un punto per effettuare prenotazioni (CUP) e altre pratiche amministrative;
  • La possibilità di dare informazioni ai cittadini, anche col supporto di associazioni di volontariato.


 

Ufficio WEB