Cerca

CDO: Chi siamo

 Chi siamo

Una risposta unitaria: il Centro propone ai pazienti un trattamento multidisciplinare, grazie ad un’équipe composta da: Oncologo Medico, Radioterapista, Ortopedico, Palliativista, Medico Nucleare, Fisiatra, Radiologo,  Patologo Clinico, Anatomo Patologo, Biologo, Data Manager e Infermiere Professionale.

I servizi: il Centro prende in carico l’Utente, offrendo una prestazione ambulatoriale multidisciplinare  e percorsi facilitati nell'iter diagnostico-terapeutico-assistenziale. Svolge anche ricerca di base e clinica ed attività didattica per la popolazione e i professionisti.

Perché a Forlì:

  1. l'alta incidenza della patologia metastatica ossea nell'Area Vasta della Romagna (circa 550 utenti all'anno);
  2. il Registro Tumori della Romagna ha riportato la più alta percentuale di sopravvivenza a 5 anni dei tumori in Italia (AIRT 2001);
  3. il bagaglio culturale e scientifico acquisito dall'equipe del Prof. Dino Amadori in questo settore:
    a) progetto Nazionale di Osteoncologia: approccio multidisciplinare nelle metastasi ossee (2001-2003) cui il Prof. Dino Amadori e il Dr. Toni Ibrahim  hanno partecipato alla realizzazione:
          - 6 stage in Osteoncologia su tutto il territorio nazionale
          - la pubblicazione di due trattati sulle metastasi ossee (i primi in Letteratura)
             . Metastasi Ossee, Ed. medical Communications, 2003
             . Osteoncologia, un approccio multidisciplinare, Ed. Excerpta Medica, 2003;
    b) in collaborazione con l'Accademia Nazionale di Medicina  ha realizzato 2 stage pratici in Osteoncologia nell'anno 2004  ed in programma altri 2 nel 2005;
    c) partecipa alla realizzazione di un Master Universitario di secondo livello in Osteoncologia organizzato dall'Università di Modena e Reggio Emilia: Forlì ospita il II° Modulo (50 ore di didattica) sull'epidemiologia e fisiopatologia delle metastasi ossee a Marzo 2005;
  4. la presenza dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori a Meldola (FC)

Un’esperienza pilota: in Italia con queste caratteristiche e intende diventare un punto di riferimento per tutta l’Area Vasta  Romagna.

Ufficio WEB