Cerca

Gli Screening Oncologici

 dnnItaly.Redirect Riduci

Errore
Errore: dnnItaly.Redirect non è al momento disponibile.

 Gli Screening oncologici

il programma di screening oncologico è un intervento di Sanità Pubblica per la prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori della mammella, del collo dell'utero, del colon-retto. L'individuazione della malattia nelle fasi iniziali permette di intervenire precocemente con le cure più idonee, facilitando la guarigione e riducendo la mortalità della popolazione.

Il programma accompagna l'utente dall'effettuazione del test di screening fino agli eventuali approfondimenti e se necessario ai sucessivi trattamentidi cura e follow-up ed è totalmente gratuito.

 I programmi di screenig attivi  in Emilia Romagna sono tre:

 

 SCREENING PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Riduci

Logo mammografiaLo screening dei tumori della mammella si rivolge alle donne dai 45 ai 74 anni, residenti e/o domiciliate nel territorio di Forlì, alle quali viene inviata una lettera di invito proponendo l’esecuzione di una mammografia, ogni anno per la donna dai 45 ai 49 anni, ogni due anni per la donna da 50 a 74 anni.

Lo screening è gratuito, così come lo sono tutti gli eventuali successivi interventi di diagnosi e cure previsti all’interno del programma.

Come si esegue la mammografia: La mammografia è un esame radiologico rapido effettuata con  il mammografo ed è eseguito da personale tecnico specializzato, ogni mammella viene esaminata in due proiezioni (verticale e orizzontale) appoggiandola su un piano dove viene sottoposta ad una compressione, grazie alla quale si ottengono immagini  in grado di evidenziare eventuali modificazioni del tessuto mammario anche di dimensioni molto piccole con un utilizzo minimo di radiazioni. La manovra dura pochi secondi e in qualche caso può risultare fastidiosa. Per garantire una maggiore accuratezza della diagnosi, le immagini mammografiche vengono valutate separatamente da due radiologi.

E’ importante segnalare lo stato di gravidanza o anche solo  l’eventuale dubbio al tecnico di radiologia prima dell’esecuzione dell’esame che in tal caso non verrà effettuato.
 

Come si comunica l’esito della mammografia
Se l’esame è negativo il referto viene inviato con lettera a domicilio con il consiglio di ripetere l’esame dopo 1 o 2 anni, secondo l'età.

Quando vi sono dubbi o si evidenziano anche minime alterazioni,  l’interessata viene contattata per eseguire  ulteriori accertamenti che servono a confermare o escludere la presenza di tali alterazioni: radiografie aggiuntive, visita senologica, ecografia mammaria. Nella maggior parte dei casi, questi accertamenti si risolvono con esito di "normalità".

 

 

 

   Opuscolo: E se mi richiamano dopo la mammografia  "informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico

 

   Opuscolo: E se mi richiamano dopo la mammografia  "informazione sui percorsi di trattamento chirurgico e di cura"

Dove si esegue la mammografia:

Prevenzione oncologica: ospedale morgagni-pierantoni
padiglione vallisneri
 piano terra
via forlanini,  34 FC
47121 Forlì
Mammografia IRST Meldola:
via piero Maroncelli
40 47014 Meldola

Per informazioni e disdetta appuntamenti


  •  Link utili

 Sito regionale del programma degli Screening

 
 
 

 

 SCREENING PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL COLLO DELL'UTERO

La Regione Emilia-Romagna ha deciso di modificare dal 2016 il programma di screening per la diagnosi precoce dei tumori del collo dell'utero.
Le donne in età da screening, residenti o domiciliate in Emilia Romagna, continueranno, a ricevere al proprio domicilio la lettera di invito per eseguire il test di screening, ma questo sarà diverso a seconda dell’età.
Le donne tra i 25 e i 29 anni continueranno ad eseguire il PAP test da ripetere ogni 3 anni,
mentre le donne dai 30 ai 64 anni eseguiranno il test HPV da ripetere ogni 5 anni.
Entrambi gli esami, così come tutti gli approfondimenti diagnostici e terapeutici eventualmente necessari, sono gratuiti.
Per esigenze organizzative il passaggio dal PAP test al test HPV sarà graduale, si comincerà con le donne di età più avanzate, ma nel giro di tre anni, a tutte le donne in età compresa tra i 30 e i 64 anni sarà fatto il test HPV.
Per saperne di più

Che cos'è il test HPV: è un esame simile al Pap test. il prelievo è semplice non doloroso e dura pochi minuti. Il materiale prelevato non è letto al microscopio come nel Pap test, ma esaminato in laboratorio per la ricerca del papillomavirus umano (HPV).
L'esame consente, con un unico prelievo, di ottenere anche un campione di cellule per fare anche il Pap test, che sarà però letto solo in caso di esito positivo del test HPV.

Che cos'è il Pap-Test: l'esame consiste nella raccolta di cellule del collo dell'utero. Questo materiale viene collocato (strisciato) su un vetrino, viene quindi fissato, colorato e osservato al microscopio.

Per sottoporsi al pap-test o al test HPV è necessario non essere nel periodo mestruale, astenersi dai rapporti sessuali nelle 24 ore precedenti ed evitare di introdurre in vagina sostanze, come creme o farmaci, nelle 48 ore prima dell'esecuzione dell'esame.

Dove è possibile effettuare il Pap-Test o il test HPV: è possibile effettuare il pap-test presso i Consultori Familiari e presso il servizio di prevenzione oncologica.

Come avviene l'invito per il Pap-Test o per il test HPV: l'invito alle donne ad eseguire il pap-test avviene tramite una lettera inviata a domicilio. Sulla lettera sono indicati il giorno, la sede e l'ora in cui effettuare l'esame. E' inoltre indicato un numero telefonico utilizzabile per un eventuale cambio di appuntamento, per segnalare l'eventuale esecuzione di pap-test in altra sede negli ultimi 3 anni o per richiedere ulteriori informazioni. Qualora la persona interessata non si presenti all'invito, è previsto l'invio di una lettera di sollecito per offrire un nuovo appuntamento.

modalità di comunicazione dell'esito: se il risultato dell'esame è negativo il risultato viene comunicato con lettera a domicilio con il consiglio di ripetere l'esame dopo 3 anni. Se il Pap-Test è dubbio o mostra qualche alterazione delle cellule, non necessariamente di origine tumorale la donna viene contattata telefonicamente per concordare gli ulteriori accertamenti diagnostici da effettuare.

 Opuscolo:E se mi richiamano dopo il Pap-test "Informazioni di approfondimento diagnostico e di cura"

 Per informazioni e disdetta appuntamenti

  • Link utili 

 Sito regionale del programma degli Screening

 SCREENING PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL COLON-RETTO Riduci

Lo screening per la prevenzione e diagnosi precoce dei tumori del colon-retto si rivolge agli uomini e alle donne di età compresa fra i 50-69 anni  residenti e/o domiciliati  ai quali viene inviata, ogni due anni, una lettera di invito proponendo l’esecuzione di un test per  la ricerca del sangue occulto nelle feci.  Il test di screening è gratuito, così come lo sono tutti gli eventuali successivi interventi di diagnosi e cure previsti all’interno del programma.

Cos'è il il test per la ricerca del sangue occulto nelle feci?
E' un esame biochimico che verifica la presenza anche di piccolissime quantità di sangue nelle feci non visibili ad occhio nudo. E' molto semplice, viene eseguito a casa propia, tramite la raccolta di un piccolo campione di feci. Non è richiesta una dieta particolare.
Nella lettera di invito è indicato un numero telefonico utilizzabile per segnalare l'eventuale esecuzione di sangue occulto nelle feci (negli ultimi due anni) o colonscopia (negli ultimi 5 anni) o per richiedere eventuali informazioni.
Come si esegue il test per la ricerca del sangue occulto nelle feci?
il materiale necessario per l'esecuzione del test può essere ritirato presso le sedi indicate nella lettera di invito contestualmente alle
Istruzioni per la raccolta del campione.

Il campione di feci deve essere consegnato entro due giorni dalla raccolta nella cassetta presente presso i punti prelievo dislocati nel territorio

Modalità di comunicazione dell’esito: Se il risultato dell’esame è negativo (assenza di sangue nelle feci) la risposta viene inviata  a domicilio.
Se il risultato è positivo (presenza di sangue occulto nelle feci) l’utente interessato viene contattato direttamente dal personale competente del Centro Screening per eseguire un colloquio atto a programmare i successivi  accertamenti diagnostici (colonscopia).
Se l’esame non è ben leggibile per problemi tecnici e quindi ne è indicata la ripetizione, viene inviata una lettera a domicilio nella quale sono specificate le modalità per un nuovo ritiro del kit.. 

 

Per informazioni e disdetta appuntamenti

  • Link utili

  Sito regionale del programma degli Screening

 

 

 

Ufficio WEB