Cerca

UO NPIA Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza

   Minimize

NPIA Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza
Direttore Melideo  Giustino
  
Informazioni
Indirizzo
  Via Colombo, 11
  Forlì
  
telefoni
- Informazioni - 0543 733131
- Prenotazione - 0543 733131\$
  
orari
- Prenotazione - lun, merc, ven 11-13.30
Di cosa ci occupiamo
L’Unità Operativa di NeuroPsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza è impegnata: nella prevenzione, diagnosi cura e riabilitazione delle malattie neuropsichiche dell’età evolutiva (ritardo mentale, disturbi neuroevolutivi da alterazione del S.N.C., con deficit funzionali, motori, sensoriali, cognitivi, linguistici, psicoaffettivi e comportamentali, disturbi dell’apprendimento, disturbi emotivi e della relazione). Nell’U.O. operano, in maniera coordinata, medici Neuropsichiatri Infantile, Psicologi dell’età evolutiva, Fisioterapisti, Logopedisti Educatori e Infermieri.
A chi è rivolto il Servizio
In particolare il Servizio è rivolto a: • ai Minori di 18 anni con disturbi o patologia di tipo: - Neurologico (centrale e periferica); - Sindromico e/o malformativo (alterazioni cromosomiche, genetiche e degenerative); - Psichiatrico; - Psicologico; - Cognitivo (ritardo mentale); - Neuropsicologico dello sviluppo (dell’area linguistica, motoria, degli apprendimenti, della comunicazione e dell’attenzione); - Pervasivi dello sviluppo; - Neurosensoriali; - Motori minori e/o transitori; • ai Neonati a rischio evolutivo; • ai genitori dei minori in carico all’U.O. L’U.O. ha competenze sull’intero territorio dell’Azienda USL di Forlì. Nella propria attività clinica lavora in rete con gli altri Servizi Sanitari e Sociali, principalmente con quelli deputati alla salvaguardia ed alla tutela della salute in età evolutiva e al sostegno all’individuo e alla famiglia. Articola la propria attività ambulatoriale territoriale presso il Centro di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (CNPIA), che ha sede a Forlì, e i poli di erogazione territoriale che hanno sede nel comprensorio. Presso il presidio ospedaliero, nell’ambulatorio di Neuropsichiatria Infantile, con annesso Laboratorio di Neurofisiologia, vengono assicurate alcune prestazioni (EEG, visita neurologica e consulenze). L’U.O. svolge e offre ai propri utenti: • Attività di approfondimento clinico (finalizzata alla valutazione e diagnosi, delle difficoltà, dei disturbi e delle disabilità in ambito neuropsichiatrico e della eventuale successiva elaborazione di un progetto terapeutico). • Presa in carico del minore, da parte del singolo professionista o di una equipe di professionisti, per trattamenti di carattere: Neuropsichiatrico; Farmacologico; Psicoterapico; Psicologico; Fisioterapico (inclusa la valutazione e l’addestramento all’impiego di protesi ed ausili); Logopedico; Psicoeducativo; Psicomotorio. • Attività di valutazione e certificazione relative a percorsi diagnostici integrati con altri Servizi e/o Istituzioni (es. in applicazione della legge 104/92, riconoscimento disabilità, certificazione di Disturbi Specifici di Apprendimento)). • Progetti integrati con il Servizio Sociale. • Consulenze richieste da altri Servizi.
.
Cosa serve sapere per l'accesso
L’UONPIA garantisce la possibilità di un accesso spontaneo, non mediato, è però auspicabile che i minori arrivino alla Prima Visita su invio del proprio PLS. Anche nelle situazioni nelle quali l’invio sia stato consigliato o promosso da altri è preferibile che la famiglia si rivolga dapprima al PLS del bambino che provvederà, se lo ritiene, ad inviare il minore all’UONPIA. L’invio si concretizza in una richiesta di visita di Neuropsichiatria Infantile o di psicologia infantile. L’impegnativa contiene il quesito o il motivo dell’Invio. Va richiesta la visita di Neuropsichiatria Infantile in caso si rilevi o si sospetti: - Un coinvolgimento organico e/o una malattia psichiatrica - Disturbi dello sviluppo e/o dell’apprendimento e/o cognitivi. - Disturbi dello sviluppo psicomotorio Va invece richiesta una visita psicologica ogni qualvolta si rilevino - Disturbi e/o problematiche emotive e/affettive - Disturbi della relazione - Disturbi del comportamento. In caso di invio o di attribuzione impropri il Servizio potrà reindirizzare, dopo la prima visita, il minore ad altro professionista. Ai Servizi offerti dall’U.O. di Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza si accede telefonando o rivolgendosi direttamente alla infermiera addetta all’accoglienza presso la sede di Via Colombo 11 di Forlì, il Lunedì, il Mercoledì e il Venerdì dalle ore 11.00 alle 13.30. Il numero telefonico è il seguente: 0543 733131. E’ consigliabile avere la richiesta del Pediatra di libera scelta o del Medico Curante del minore. L’U.O. NPIA si impegna ad erogare la 1° visita entro 60 gg dalla data di prenotazione.
I nostri professionisti
Direttore Giustino  Melideo   Medico  
Nadia  Cavazzuti   Psicologo  
Paola  Mandolesi   Psicologo  
Michela  Marchi   Psicologo  
Maria Grazia  Parisi   Psicologo  
Giovanni  Barcia   Medico  
Giovanni  Colasurdo   Medico  
Eleonora  Marcelli   Medico  
Alessandra  Morgagni   Medico  
Maria Francesca  Surace   Medico  
Antonella  Cimatti   Fisioterapista   - Coordinatore
I minori affetti da autismo e da disturbi di tipo autistico (ASD) presentano importanti disturbi della comunicazione e dell’interazione sociale, con comportamenti e interessi ristretti e ripetitivi, confermati da specifiche valutazioni medico-psicologiche. I primi segni di autismo compaiono prima dei 3 anni di vita. <br />Il genitore che desideri avere informazioni o sciogliere dubbi sull’autismo può rivolgersi anzitutto al pediatra del proprio figlio. I pediatri di fiducia dell’Emilia-Romagna hanno frequentato appositi corsi e utilizzano specifici strumenti di osservazione, mirati ad approfondire ogni sospetto di autismo.<br />L’autismo e il disturbo di tipo autistico possono essere diagnosticati e trattati da un apposito Gruppo multidisciplinare di specialisti (team) denominato ASD, istituito presso ogni Azienda Usl nella rispettiva Unità operativa territoriale di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza (UO-NPIA). Vedi di seguito nel riquadro “dove rivolgersi”.<br />L’assistenza ai minori con autismo e disturbi di tipo autistico comprende un insieme di interventi abilitativi e psico-educativi effettuati in collaborazione con la famiglia, la scuola e l’ambiente sociale.<br /><br />Dal compimento dei 18 anni, alla ragazza e al ragazzo con autismo viene garantita la presa in carico da parte dei servizi sanitari e socio-sanitari per la disabilità mentale dell’adulto.<br />  Codice:2395
Per facilitare e supportare l’inserimento a scuola di bambini con malattie croniche, handicap, disabilità (ad es. sindrome di down, paralisi cerebrali infantili, diabete, celiachia, malattia metaboliche), occorre rivolgersi alla Pediatria di comunità.<br />La Pediatria di comunità, a seconda della complessità della situazione, elabora protocolli e definisce percorsi assistenziali integrati, cura il monitoraggio della situazione sanitaria, verifica la presenza dei necessari ausili strumentali ecc. <br />L’inserimento scolastico è il risultato della collaborazione con la Pediatria di comunità e con la scuola di diversi Servizi, coinvolti in base alla necessità del ragazzo: Dipartimento cure primarie, pediatra di fiducia, ospedale, Neuropsichiatria infantile ecc. <br />  Codice:8
Le persone che soffrono di disturbi del comportamento alimentare (anoressia, bulimia, disturbo da alimentazione incontrollata e altri) possono essere assistite, per affrontare questi problemi, da diversi professionisti: psichiatra, neuropsichiatra, psicologo, medico internista, dietologo.<br />E’ possibile rivolgersi ad uno dei Centri per i disturbi del comportamento alimentare attivati dalle Aziende sanitarie o al Centro di salute mentale dell’Azienda Usl di residenza. Per individuare questi Centri cliccare di seguito su “Specifica l’ambito territoriale…”.<br />Per le persone con anoressia nervosa e bulimia le visite, gli esami e le terapie specifiche sono esenti dal pagamento del ticket.<br />Per saperne di più consultare il <A href=" http://assr.regione.emilia-romagna.it/it/servizi/pubblicazioni/dossier/doss089/?searchterm=DCA "target="_blank" > Dossier regionale sui disturbi del comportamento alimentare.</A><br />  Codice:2272
La persona con disabilità, rivolgendosi all’assistente sociale del Comune o ai Servizi dell’Azienda Usl di residenza, in base alle condizioni di salute e alla documentazione medica presentata, può usufruire dei servizi di: assistenza domiciliare, ospitalità nei centri riabilitativi diurni, ospitalità temporanea o permanente in strutture residenziali, sostegno all’inserimento lavorativo, assegno di cura, contributi economici, interventi per il tempo libero.<br />Per i minori con disabilità (età inferiore ai 18 anni) ci si può rivolgere alla Pediatria di Comunità o al Servizio di neuropsichiatria infantile della propria Azienda Usl, per fruire dei servizi di logopedia, fisioterapia, inserimento scolastico, aiuto socio-economico.<br />Per saperne di più consultare il sito Emilia Romagna Sociale, pagine sui <A href="http://sociale.regione.emilia-romagna.it/disabili" target="_blank" > servizi, progetti, agevolazioni per le persone con disabilità </A><br />  Codice:72
Ufficio WEB