Cerca

Dipartimento multiprofessionale gestione integrata

  

Il dott. Pestelli chiamato dall’Onu a occuparsi di interventi riabilitativi in caso di calamità

Il dottor Germano Pestelli è uno dei tre esperti europei chiamati dall’Onu a occuparsi di riabilitazione in caso di catastrofi naturali. Il professionista forlivese, direttore dell’U.O. di Riabilitazione dell’Ausl di Forlì, è stato, infatti, nominato fra i 20 membri del Comittee for Rehabilitation in  disaster relief, istituito dalla Nazioni Unite attraverso l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Compito dell’organismo è predisporre i piani di intervento in materia di riabilitazione, in qualsiasi parte del mondo, nell’eventualità di calamità eccezionali quali terremoti, alluvioni, tsunami. Fra gli esperti, provenienti da tutti i cinque continenti, vi sono personalità del calibro del prof. Janan Lij, che organizzò le azioni di riabilitazione nel disastroso terremoto di Sichuan in Cina nel 2008, e del prof. Andrews Haigh, direttore della Riabilitazione dell’Università del Michigan.
«L’intervento riabilitativo è fondamentale nei disastri naturali – spiega il dott. Pestelli – la maggior parte dei sopravvissuti e dei feriti, infatti, riporta danni all’apparato locomotore e necessita, quindi, di riabilitazione appropriata e ausili specifici, per rientrare nella propria dimensione sociale. Non a caso, nelle prime fasi del terremoto di Haiti, l’Italia propose, attraverso la Protezione Civile, proprio un importante programma  di questo tipo».
Il dott.Pestelli ha una consolidata esperienza nel settore, tant’è che in seno alla Società scientifica nazionale di Riabilitazione (Simfer), dove ha la delega alla cooperazione internazionale, sta lavorando a una “tenda della riabilitazione e della solidarietà” in grado di essere facilmente trasportata laddove ce ne sia necessità e montata in pochi minuti. «La Simfer ha già pronta una task force di circa 100 fisiatri sparsi sul territorio nazionale che possono, in poco tempo, intervenire in caso di disastri naturali assieme ai fisioterapisti e al restante personale di supporto, sotto il coordinamento della Protezione Civile – rivela il dott. Pestelli – La Riabilitazione italiana, nel post terremoto del 2009, ha già aiutato L’Aquila, organizzando, inoltre, la manifestazione di solidarietà Riabruzzo, che fece tappa anche a  a Forli e Forlimpopoli. Per quanto riguarda il Progetto della tenda, pur gestito in collaborazione con Regione e Provincia, si stanno cercando finanziamenti privati».


A cura di:
  Ufficio Comunicazione
AUSL di Forlì

Data pubblicazione:  10/25/2010
 

Return
Ufficio WEB