Cerca

Dipartimento Salute Mentale Dipendenze Patologiche

  

Il “Dirigibile” torna sul palcoscenico del Festival del teatro sociale di Castrocaro con "Zia Pace".

Il “Dirigibile” torna sul palcoscenico. Martedì 14 settembre, alle 21, la compagnia formata da ospiti e operatori del Centro Diurno Psichiatrico del Dipartimento di Salute Mentale dell’Ausl di Forlì, diretto dal dottor Claudio Ravani, sarà di scena a Castrocaro, al padiglione delle Feste, con lo spettacolo “Zia Pace”, liberamente ispirato a Sei personaggi in cerca di autore di Pirandello. La rappresentazione è inserita all’interno del Festival del teatro sociale “Proscenio aggettante”.

Il “Dirigibile” torna sul palcoscenico. Martedì 14 settembre, alle 21, la compagnia formata da ospiti e operatori del Centro Diurno Psichiatrico del Dipartimento di Salute Mentale dell’Ausl di Forlì, diretto dal dottor Claudio Ravani, sarà, infatti, di scena a Castrocaro, al padiglione delle Feste, col suo ultimo cavallo di battaglia, lo spettacolo “Zia Pace”, liberamente ispirato a Sei personaggi in cerca di autore di Pirandello. La rappresentazione è inserita all’interno del Festival del teatro sociale “Proscenio aggettante”, manifestazione giunta alla dodicesima edizione e promossa da Fitel, Federazione italiana tempo libero di Cgil, Cisl e Uil, Regione Emilia-Romagna, Provincia di Forlì-Cesena e Comune di Castrocaro Terme-Terra del Sole. Il gruppo teatrale forlivese è ormai un habitué della rassegna, dove, negli anni scorsi, ha raccolto grandi consensi, ottenendo ben due premi alla “Migliore regia”, nel 2006 con lo spettacolo “Que Pasa?” e nel 2007 con “Cuori di strada”, nonché riconoscimenti per la recitazione (2006) e per la “Migliore scenografia” (2007). Nel 2008, poi, “Ogni testa un tribunale” è valso una menzione d’onore al regista Michele Zizzari e un riconoscimento ex-aequo a due pazienti come migliori attrici non protagoniste. Anche in questa edizione, il “Dirigibile” conta di ben figurare ed essere così fra i protagonisti della serata di sabato 18 settembre, quando, a partire dalle 20.30, la giuria presieduta da Tiziana Foschi, nota attrice italiana di prosa, già nella “Premiata Ditta”, consegnerà i premi Fitel 2010. Ospite d’onore sarà Lorenza Guerrieri, attrice cinematografica e teatrale, mentre a condurre il galà ci penserà Cristina Carbotti. Alle 21.30, a seguire, è in programma la rappresentazione “Edipo e la Pizia”, con Lucia Poli e Giorgio Rossi.
Per il Dirigibile si tratta dell’ennesimo appuntamento di prestigio, a testimonianza di come la compagnia sia divenuta, oggi, una delle realtà più significative e all’avanguardia nel panorama teatrale in ambito psichiatrico. Tanta strada, dunque, è stata fatta dal 2001, quando si costituì, sotto la guida attenta e stimolante del regista Michele Zizzari, il gruppo teatrale del Centro Diurno Psichiatrico di Forlì, diretto dalla dott.ssa Paola Longhi. Da allora sono state portate in scena, in proprio, 9 opere teatrali originali di elevata complessità e livello qualitativo. La costruzione e la rappresentazione di ognuna di queste piece ha dimostrato che l’ampio spettro delle attività connesse al teatro, agendo contemporaneamente sull’aspetto fisico, psicologico, relazionale, espressivo, cognitivo e manuale, permette di affrontare in maniera integrata le diverse forme del disagio e di acquisire e sviluppare un’ampia gamma di abilità e di capacità. Se diffuse e sviluppate, queste attività possono quindi diventare uno strumento straordinario per abbattere il pregiudizio, purtroppo ancora radicato, nei confronti del “diverso”. Nel corso degli anni, le rappresentazioni a cura della compagnia hanno riportato un grande successo di pubblico e suscitato un notevole interesse anche fra gli addetti ai lavori. Lo prova il fatto che il “Dirigibile” è stato selezionato e ospitato in importanti iniziative culturali e in rassegne e festival teatrali di rilevanza nazionale e internazionale, quali le edizioni 2006, 2007, 2008, 2009 e 2010 del Cantiere Internazionale Teatro Giovani, organizzato dall’International Theater Center of New England-USA dell’Università di Harvard, dall’Università di Bologna e dal Centro Studi Teatrali dell’Università di Forlì; il Programma Europeo per la Salute Mentale Equal, Spring out di Rimini; il Progetto Regionale Teatro e Salute Mentale promosso dal Servizio Sanitario Regionale, dalla Regione Emilia-Romagna, dall’Associazione Onlus Arte e Salute e dall’Istituzione G. F. Minguzzi di Bologna. Inoltre, alcuni pazienti sono stati scritturati come comparse nella fiction di RAI1 su Franco Basaglia “C’era una volta la città dei matti” di Marco Turco, con Fabrizio Gifuni e Vittoria Puccini.


A cura di:
  Ufficio Comunicazione
AUSL di Forlì

Data pubblicazione:  9/9/2010
 

Return
Ufficio WEB