Cerca

Modalità Assistenziale e di Ricovero

  

Attività assistenziale e modalità di ricovero
 
L’attività assistenziale si svolge presso:
-        Degenza Ordinaria (piano 7° della torre A del Padiglione “Nuovo Morgagni”);
-        Degenza Breve (piano 6° della torre B del Padiglione “Nuovo Morgagni”);
-        Endocrinochirurgia (piano 4° della torre A del Padiglione “Nuovo Morgagni”, ove è ubicata la degenza dell’U.O. Endocrinologia);
-        Blocco Operatorio (piano 0 della torre A del Padiglione “Nuovo Morgagni”);
-        Ambulatorio Divisionale e ambulatori specialistici (piano 0, quadrato C, del Padiglione “Nuovo Morgagni”);
-        Day Service Ambulatoriale (piano 0, quadrato C, del Padiglione “Nuovo Morgagni”).
L’attività assistenziale viene erogata in regime di convenzione col SSN o di libera professione “intramoenia”.
Il modello di assistenza adottato nell’Azienda USL di Forlì è definito “per intensità di cura”.
A seconda dell’intensità di cura richiesta, l’attività assistenziale viene erogata con differenti modalità a:
-        Pazienti ricoverati in Degenza Ordinaria: qui viene svolta la parte di maggiore rilevanza dell’attività e vengono ricoverati i Pazienti che necessitano di procedure chirurgiche di maggior complessità e/o di assistenza ad alta intensità di cure e tutti i ricoveri chirurgici in regime di urgenza.
-        Pazienti ricoverati in Degenza Breve: attiva dal lunedì al venerdì, vi affluiscono i Pazienti con patologie di minore complessità, precedentemente studiati dal Servizio di Preospedalizzazione (vedi sotto), e vi trovano spazio le degenze delle seguenti specialità: ORL, Chirurgia GEM, Chirurgia TOA, Urologia.
-        Pazienti che accedono al Day Service Ambulatoriale: si eseguono prestazioni per Pazienti che necessitano, in tempi relativamente brevi, di un inquadramento diagnostico (per mezzo di precisi percorsi clinici individuati mediante protocolli concordati) cui fanno seguito eventuali indicazioni terapeutiche e/o chirurgiche; l’accesso è attivato dagli Specialisti dopo la prima visita; al termine del percorso è rilasciata una relazione sanitaria con diagnosi per il Medico di Medicina Generale (MMG) e il paziente viene eventualmente inserito in lista di attesa per intervento chirurgico.
-        Pazienti che accedono all’attività ambulatoriale di Chirurgia Generale e agli ambulatori chirurgici specialistici di Chirurgia gastrica, Colonproctologia, Chirurgia epatobiliopancreatica, Endocrinochirurgia, Follow up oncologico e Terapia enterostomale: l’attività ambulatoriale è organizzata secondo agende programmate informatizzate. Le visite ambulatoriali di I livello (prime visite) sono richieste dal MMG, e prenotate tramite CUP (Centro Unificato Prenotazione), sia telefonicamente che tramite Farmacie; le visite ritenute urgenti dal MMG sono sempre prenotate tramite CUP ed eseguite dai Medici dell’U.O.; le visite ambulatoriali di II livello (visite successive per ulteriori accertamenti, DSA o follow-up) sono effettuate a cadenza settimanale, attivate su agende informatizzate direttamente dai medici dell’U.O. o da essi gestite autonomamente.
-        Pazienti che accedono al P.S. o ricoverati in regime di urgenza: tale attività viene espletata dalla Guardia Chirurgica e si alterna con l’U.O. di Chirurgia TOA (per attività di Guardia Chirurgica si intende la presenza all’interno della struttura ospedaliera 24 ore su 24, 7 giorni su 7, di personale medico appartenente alle unità operative di Chirurgia GEM e Chirurgia TOA).
-        Pazienti ricoverati presso altre UU.OO. del Presidio Ospedaliero: avviene in seguito a richiesta medica e può essere effettua n modalità di emergenza-urgenza o in via ordinaria (come descritto nel Manuale di Acquisizione Servizi); nel primo caso la prestazione è immediata, effettuata dal Medico di Guardia; la visita ordinaria è invece prenotata telefonicamente presso il punto accoglienza ed effettuata in ambulatorio; se la visita è da eseguirsi al letto, è avvisato il medico di turno in ambulatorio che si organizzerà per effettuare la visita a fine mattina.
-        Pazienti ricoverati in A.L.P.I.: nella degenza A.L.P.I. afferiscono i Pazienti che hanno richiesto l’intervento in regime libero-professionale e tutti i Pazienti che abbiano richiesto il comfort alberghiero; trovano spazio in questo ambito i letti necessari all’attività “intramoenia” di tutte le specialità mediche e chirurgiche.
-        Pazienti che accedono unicamente al blocco operatorio  per essere sottoposti ad intervento chirurgico per fare quindi rientro all’U.O. di appartenenza.
Il percorso di Preospedalizzazione, trasversale a tutte le UU.OO. chirurgiche, è rivolto a tutti i pazienti deambulanti che necessitino di un iter preoperatorio e prevede l’esecuzione delle indagini laboratoristico-strumentali di base; i pazienti studiati mediante questo percorso generalmente vengono ricoverati, per lo più in Degenza Breve, il giorno stesso dell’intervento, permettendo così una significativa riduzione dei tempi di degenza, complessiva e preoperatoria.
Al fine di garantire a ogni paziente l’iter diagnostico e terapeutico più appropriato in termini di qualità, efficacia, efficienza e tempi di attesa, sono stati individuati e istituiti precisi percorsi concordati in sede aziendale; in particolare i pazienti affetti da malattie neoplastiche vengono sottoposti ai trattamenti del caso (chirurgici o, ad esempio, radiochemioterapici, come nel caso dei tumori del retto medio e inferiore) entro 30 giorni dalla diagnosi nel 100% dei casi.
Ufficio WEB