Cerca

Clorito

 Clorito Minimize

Il clorito di sodio si usa per la produzione di biossido di cloro e come agente sbiancante in vari processi industriali; nei processi di disinfezione delle acque potabili il clorito è il sottoprodotto che si forma in quantità maggiori a seguito della decomposizione del biossido di cloro.
Classificato come non cancerogeno per l’uomo, oggi è oggetto di nuovi studi in quanto si sono  evidenziate alterazioni nei globuli rossi sia in  animali da laboratorio sia in persone esposte a concentrazioni molto elevate.

VALORI DI LEGGE E VALORE GUIDA 

Il DLgs 31/2001 inserisce questa sostanza fra i parametri chimici (Allegato I parte B) e prevede un valore limite pari a 700 ug/L.
L’OMS ha stabilito un valore guida provvisorio pari a 0,7 mg/l (700 ug/l)
perché l’uso del biossido di cloro può causare il superamento di tale valore; l’OMS, pur ribadendo a titolo cautelativo l’opportunità di contenere la presenza di clorito, afferma che non si deve in ogni caso giungere a compromettere la validità della disinfezione.

Ufficio WEB