Cerca

Convegni

Ti trovi qui: Comunicazione / Convegni
  

Trapiantati e Nove Colli, dott. Mosconi relatore al corso “Trapianto e adesso sport” di Cesenatico

Trapiantati protagonisti alla Nove Colli: domenica 20 maggio 2012, la Nazionale Aned alla granfondo di Cesenatico, giovedì 17 e venerdì 18 maggio, il corso di formazione “Trapianto e adesso sport”, cui parteciperà come realtore il dott. Giovanni Mosconi, direttore dell’U.O. di Nefrologia dell’Ausl di Forlì e referente nazionale del progetto “Trapianto… E adesso sport”.

Correre la “Nove Colli” dopo un trapianto. Non è utopia, ma realtà. Una delegazione di sportivi trapiantati appartenenti alla Nazionale ANED Sport prenderà parte, infatti, domenica, alla gran fondo di Cesenatico, la più antica e partecipata d’Europa. L’evento sarà preceduto, giovedì 17 e venerdì 18 maggio, dal I° Corso nazionale per operatori “Trapianto… E adesso sport”, cui parteciperà in qualità di docente, con una lezione su “Le caratteristiche cliniche del trapianto di rene, cuore, e fegato”, anche il dott. Giovanni Mosconi, direttore dell’U.O. di Nefrologia dell’Ausl di Forlì e referente nazionale del programma “Trapianto… E adesso sport” del Centro Nazionale Trapianti. Tale protocollo è stato varato nel 2008 grazie alla collaborazione fra Centro Nazionale Trapianti, Istituto Superiore di Sanità, Centro Studi Isokinetic, Università di Bologna, Cimurri Impresa e Sport e Associazioni di pazienti per approfondire il tema dell’attività fisica e sportiva nel paziente con trapianto d’organo e, più in generale, promuovere adeguati comportamenti per la prevenzione del rischio cardiovacolare. L’attività fisica e un corretto stile di vita concorrono, infatti, a prevenire e curare disfunzioni metaboliche quali il diabete o l’arterosclerosi, che spesso insorgono in seguito al trapianto a causa dei farmaci immunosoppressori. «Lo sport, specie se praticato anche prima dell’intervento, può aiutare il paziente a ritrovare il proprio equilibrio psicologico e migliorare la sua autostima, favorendo, quindi, una partecipazione attiva al recupero della normalità – illustra il dott. Mosconi – Inoltre, un trapiantato che fa sport  è un simbolo importante, che infonde fiducia ed energia e stimola altri trapiantati a fare lo stesso. L’ulteriore passo avanti costituito dall’aspirazione a raggiungere livelli agonistici testimonia il desiderio non solo di tornare alla vita di sempre, ma anche di eccellere: non solo essere come gli altri, ma addirittura “più” degli altri».
Nell’ambito di tale progetto, è stato avviato uno studio clinico, il primo al mondo, per dimostrare scientificamente gli effetti dell’attività fisica nel paziente con trapianto da organo solido, nel cui ambito s’inserisce l’iniziativa in programma giovedì e venerdì al Grand Hotel di Cesenatico, diretta a formare gli operatori intenzionati a partecipare al protocollo di ricerca, in particolare medici e infermieri che operano nei Centri Trapianto e gestiscono i controlli periodici dei pazienti sottoposti a trapianto di organo solido, e i medici dello sport che effettuano la valutazione della forma fisica del paziente e prescrivono l’esercizio personalizzato.
La decisione di tenerla a Cesenatico, in occasione della Nove Colli, non è certo casuale ma rientra nella collaborazione fra Centro Nazionale Trapianti e Five Star League, il consorzio che riunisce alcune delle gran fondo più prestigiose del panorama nazionale, Nove Colli in primis. L’obiettivo di tale connubio è da una parte ad accrescere la cultura della donazione attraverso la partecipazione di pazienti trapiantati d’organo alle granfondo ciclistiche, dall’altra incentivare la pratica sportiva tra i trapianti. A Cesenatico, poi grazie al progetto Nove Colli Life, promosso da Gruppo Ciclistico Fausto Coppi, Centro Nazionale Trapianti e Centro Studi Isokinetic, alcuni partecipanti potranno sottoporsi, insieme ai trapiantati, a nuovi e specifici test fisici: da sabato 19 a lunedì 21 maggio, un’equipe specializzata costituita da medici ed infermieri qualificati effettuerà, infatti, prelievi di sangue e delle urine al fine di valutare lo stato di salute degli atleti e confrontare le risposte fisiologiche tra ciclisti sani e ciclisti che hanno subito un trapianto.

Clicca qui per scaricare la brochure del convegno


A cura di:
  Ufficio Comunicazione
AUSL di Forlì

Data pubblicazione:  5/16/2012
 

Return
Ufficio WEB