Cerca

Notizie dall'Azienda

Ti trovi qui: Comunicazione / Notizie dall'Azienda
  

Esenzione ticket e assistenza primaria gratuita per le popolazioni terremotate

Da lunedì 11 giugno, fino al 30 settembre 2012, prestazioni specialistiche, assistenza farmaceutica e Pronto Soccorso gratuiti per i residenti e i lavoratori dei comuni colpiti dal sisma. Tutte le informazioni necessarie sono contenute in un'apposita pubblicazione (I provvedimenti del Servizio sanitario regionale a sostegno delle persone colpite dal terremoto), scaricabile all'interno della notizia.

Esenzione del ticket e assistenza primaria gratuita per le popolazioni colpite dal sisma. Questi i due provvedimenti disposti dalla Regione Emilia Romagna per sostenere le persone residenti o lavoratrici nei comuni colpiti dalle scosse di terremoto che stanno interessando un’ampia zona di Emilia dallo scorso 20 maggio.
In particolare, da lunedì 11 giugno fino al 30 settembre 2012, le persone residenti nei Comuni colpiti dal terremoto, i lavoratori (e i loro familiari a carico) che hanno perso il lavoro in quanto impiegati in imprese che hanno subito danni dal terremoto e i residenti nei comuni capoluogo (Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia) che abbiano fatto richiesta di dichiarazione di inagibilità della casa di abitazione, dello studio professionale o dell’azienda, sono esentati dal pagamento del ticket per prestazioni di specialistica ambulatoriale, Pronto Soccorso, assistenza termale e farmaceutica (farmaci di fascia A) erogate dalle strutture del Servizio Sanitario Nazionale. Per ottenere l’esenzione è sufficiente esibire un documento di identità che certifichi il Comune di residenza.
Sempre a partire da lunedì 11 giugno e fino al prossimo 30 settembre, a tutte le persone residenti nei Comuni colpiti dal terremoto che hanno dovuto lasciare le loro abitazioni e sono provvisoriamente ospitate in strutture alberghiere, abitative, o altre strutture ricettive, è assicurata l’assistenza primaria (medicina generale, pediatria, continuità assistenziale) senza alcun onere, con possibilità di scegliere temporaneamente un medico di medicina generale o un pediatra di libera scelta nelle località di dimora provvisoria. Anche per questo, le persone interessate dovranno solo esibire un documento di identità che certifichi il Comune di residenza.

A cura di:
  Ufficio Comunicazione
AUSL di Forlì

Data pubblicazione:  6/12/2012
 

Return
Ufficio WEB